Riguardo la pelle

Come prendersi cura della pelle con prurito: cause, trattamento e consigli di prevenzione

Se hai un tipo di pelle con tendenza al prurito, sai benissimo il fastidio, l’irritazione (e il malumore) che provoca. Ma cosa causa la pelle secca e pruriginosa? Come puoi alleviare i sintomi per evitare il circolo vizioso “più mi gratto, più mi prude”?

Sintomi della pelle con prurito

Il prurito è un disturbo che può essere generalizzato o limitato a specifiche zone del corpo. La pelle può apparire arrossata, ruvida e irregolare, oppure di aspetto normale nonostante la grave sensazione di disagio. In caso di disturbo cronico, quando la pelle viene grattata ripetutamente, le zone coinvolte possono gonfiarsi, sanguinare e infettarsi.

Quali sono le cause?

Le ragioni del prurito della pelle sono numerose, quindi è importante cercare di individuare la causa scatenante per evitare che i sintomi si protraggano nel tempo. Il prurito può essere molto debilitante e, in alcuni casi cronici, essere causato da problemi ad organi interni, nevralgie o reazioni a farmaci, materiali e piante, ad esempio al lattice o all’edera velenosa. Se il tuo prurito è cronico, fissa al più presto un appuntamento con un medico specialista.

La causa più comune del prurito cutaneo è, comunque, la secchezza della pelle: una condizione che si verifica naturalmente con l’invecchiamento e causa la perdita progressiva di proteine come il collagene (responsabile dell’elasticità e della tonicità alla pelle). A sua volta, questo permette all’acqua di fuoriuscire dall’epidermide a un ritmo molto maggiore, lasciando la pelle secca. Anche pulire la pelle eccessivamente con acqua calda, prodotti aggressivi e saponi con pH elevato può causare secchezza e prurito.

“Sono molte le cause del prurito, che dipende dalla stimolazione dei nervi sensitivi”, spiega il Dott. Zac Handler, dermatologo. “Una di queste cause è l’indebolimento della funzione di barriera della pelle e l’infiammazione, come succede nella pelle secca. I nervi sensitivi coinvolti sono stimolati dai cambiamenti nel pH, dalla diminuzione dell’umidità o della temperatura della pelle. La situazione migliora con la riduzione della perdita d’acqua transepidermica, con il ripristino del pH della pelle a un livello più acido e dalla riparazione della barriera cutanea”.

Consigli per il trattamento

La pelle secca e pruriginosa ha sempre bisogno d’idratazione, quindi l’uso di balsami o creme protettive idratanti è il modo migliore di combattere il ciclo del prurito. Si tratta del circolo vizioso per cui ci si gratta per reazione al prurito, ma così facendo si danneggia ulteriormente la barriera cutanea e di conseguenza i sintomi si aggravano. Invece di grattarsi, i dermatologi raccomandano di applicare un emolliente lenitivo direttamente sulla zona irritata.

UN CONSIGLIO DI SANEX: Trasferisci parte del prodotto idratante o della crema protettiva che preferisci in un contenitore da viaggio e portalo sempre con te. In questo modo il prurito sarà sempre sotto controllo.

Dovresti inoltre usare prodotti per la doccia o il bagno che idratino la pelle invece di seccarla. Evita prodotti troppo profumati o aggressivi come il sapone e sostituiscili con gel e creme ricche di emollienti. Ma non dimenticare! Cerca di fare una sola doccia o bagno al giorno in modo da non privare la pelle di importanti oli e lipidi.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

about the expert

CONSIGLI DEGLI ESPERTI

Dr Zac Handler

La pelle normale è sana, ben idratata ed equilibrata, quindi richiede una routine per cura della pelle semplice e protettiva.